Chi scende e chi sale…

Elezioni il giorno dopo: ogni commento è lecito. Dire che riemerge il PD regala qualche emozione: vuol forse dire che le ragioni della politica (che questo partito sia il forziere in cui, grazie a padri nobili e a testimoni coraggiosi, hanno trovato domicilio e ascolto è riconosciuto da tanti se non da tutti) possono ancora avere cittadinanza? Significa che populismo e sovranismo vengono messi in soffitta? Indica la rivincita della Politica sulle scorribande dei politicanti di ventura? Forse sì, ma è meglio non farsi troppe illusioni.

Dire che i Cinque Stelle tornano da dove sono venuti, praticamente dal nulla, deprime gli illusi e inorgoglisce i cultori della democrazia rappresentativa; aggiungere che la Lega si sbrega (da qualche parte la scritta è ancora visibile) attorcigliandosi sugli equilibrismi del capo e sulla inconsistenza degli slogan, dimostra che per governare più che rompere serve costruire, serve parlare piuttosto che sparlare ed è utile ragionare invece sragionare; prendere atto che le destre più destre sono fuori dalla storia, che sono forse utili a movimentare i gruppuscoli ma non a fare politica, è leggere la realtà, che sarà pure malconcia ma non al punto di affidare il suo destino a qualche avventuriero(a) arroccato(a) a un passato che non può e non deve ritornare. Assegnare a Forza Italia e al suo capo il titolo di emergenti per aver conservato la Calabria, è come dare un brodino a un affamato…

Oltre i commenti c’è poi l’ufficialità. Matteo Salvini dice “abbiamo scelto i candidati troppo tardi. Per il prossimo giro decidiamo a novembre…”; Giuseppe Conte, che si aspettava ben altro, dice che “una cosa è sicura: mai con le destre”; Beppe Grillo, che non c’entra ma che vuole entrarci, afferma che “abbiamo fatto l’impossibile, ora facciamo il necessario”; Enrico Letta (forse l’unico a poter vantare qualche merito) fa sapere che “si battono le destre allargando il campo”; il Centrodestra si dichiara orfano del “federatore”, il ruolo che aveva Berlusconi e che ora, né Salvini né Meloni riescono a svolgere. I partiti della coalizione di Governo dicono di sentirsi “più vicini all’Europa, perché il voto al centrosinistra è un voto a Draghi”. Questo per dire che Draghi può continuare la corsa, soprattutto perché adesso nessuno più ha un interesse ad anticipare le elezioni politiche.

Al di là dei commenti resta indecifrabile e preoccupante l’astensionismo diffuso. “Ha vinto il partito dell’astensione” hanno titolato alcuni giornali. In effetti, le Amministrative 2021 si sono chiuse con un risultato clamoroso, anche se tutt’altro che inatteso: nelle grandi città (Roma, Milano, Napoli, Torino), per la prima volta nella storia i cittadini che non hanno votato sono maggioranza assoluta.

Il problema è che nell’epoca delle alleanze (nessun partito può più illudersi di vincere da solo) il tempo diventa un nemico, perché ciò che oggi è vero domani potrebbe non esserlo più. Basti pensare al centrodestra, che fino al 2018 viaggiava unito (con Berlusconi federatore) poi si è spaccato, con l’abbraccio della Lega al M5S nel primo Governo Conte, è sembrato ricompattarsi quando Conte si è alleato con il Pd e alla fine si è nuovamente diviso: Lega e Forza Italia da una parte, a sostegno di Marion Draghi (pur con tutte le incertezze e le contraddizioni di Salvini), Fratelli d’Italia dall’altra, con la Meloni orgogliosamente all’opposizione.

Al netto delle astensioni, il centrosinistra si è confermato a Milano, ha dominato a Napoli, si è confermato a Bologna, resta in corsa a Roma e proverà a vincere a Torino col ballottaggio. Il centrodestra ha vinto in Calabria, va al ballottaggio sia a Trieste che a Roma (in verità con scarse prospettive).

Questo il quadro della situazione. Resta un dubbio: come sarebbe andata a finire se tutti gli aventi diritto fossero andati alle urne?

Ai posteri l’ardua sentenzia.

LUCIANO COSTA

Altri articoli
Attualità, Politica

Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu