Costume

13 maggio 1981: attentato al Papa

Una intelligente nota, pubblicata in Vatican News, racconta il documentario, poco noto, nel quale le immagini dell’attentato a Giovanni Paolo II, avvenuto il 13 maggio 1981 in Piazza San Pietro, sono commentate dallo scrittore André Frossard. Il video fa parte di una ricca documentazione multimediale, comprendente anche la radiocronaca in diretta fatta quarant’anni fa da Benedetto Nardacci per la Radio Vaticana, che il sito dedica al ricordo di quel pomeriggio in piazza San Pietro. Quel giorno non eravamo in Piazza San Pietro. La notizia dell’attentato al Papa arrivò in redazione scombussolando i programmi e gettando nello sconforto. “Come è pensabile un attentato al Papa?” venne chiedermi il più giovane dei redattori. “Non è pensabile – gli risposi -, ma c’è qualcuno che arma la mano di fanatici e fa loro compiere gesti di inaudita crudeltà”. Non ricordo che cosa scrissi a commento di quel tragico fatto, so che davanti alla tastiera mi sentii un niente che cercava qualcosa a cui aggrapparsi per andare oltre il dramma. Allora chiesi ai collaboratori di andare per la città e per i paesi a raccogliere pensieri ed emozioni della gente. Qualcuno tornò con risposte e immagini, altri, i più, soltanto con un sacco di lacrime da condividere. A quarant’anni di distanza da quel tragico giorno mi sento ancora un niente che cerca qualcosa a cui aggrapparsi per andare oltre il dramma. Allora mi affido al ricordo scritto da Andrea Tornielli per presentare il documentario che racconta quel giorno e ve lo propongo come meditazione e viatico per i giorni che verranno. (Luciano Costa)

Prego per il fratello che mi ha colpito

Le immagini inquietano ancora oggi, a quarant’anni di distanza. L’uomo vestito di bianco, sessantenne ancora nel pieno del vigore fisico, solleva e stringe a sé una bambina dai riccioli biondi che i genitori gli consegnano perché la benedica. Subito dopo gli spari, l’incredulità, il Papa che si accascia tra le braccia del suo segretario, la camionetta bianca che corre all’impazzata dentro al Vaticano. Poi la corsa sul filo dei minuti al Policlinico Gemelli, la preghiera dei fedeli attoniti in tutto il mondo, la speranza che si riaccende dopo un lungo e complicato intervento chirurgico.

Ma le immagini più potenti del documentario realizzato quattro anni dopo quell’evento sono quelle in cui viene inquadrata la finestra dello studio papale vuota e la voce del Pontefice è trasmessa via radio ai fedeli sulla Piazza. Papa Wojtyła non ha mai mancato un appuntamento domenicale e non lo fece neanche quel 17 maggio 1981, per il primo Regina Caeli dopo l’attentato, quando con voce flebile registrata dal letto d’ospedale, disse: «Prego per il fratello che mi ha colpito, al quale ho sinceramente perdonato. Unito a Cristo, Sacerdote e Vittima, offro le mie sofferenze per la Chiesa e per il mondo».

Le prime parole del Papa ferito quasi a morte furono parole di perdono per il suo attentatore. E questo messaggio arrivò dritto al cuore del mondo intero con una forza ancora maggiore il 27 dicembre 1983, quando Giovanni Paolo ii , il Papa autore dell’enciclica Dives in misericordia, varcò la soglia del carcere di Rebibbia per entrare nella cella di Ali Agca, per abbracciare il giovane uomo che voleva assassinarlo.

Ritrovate in questo documentario tutte le immagini di quell’incontro. Senza l’audio, perché a nessuno fu permesso di avvicinarsi e di ascoltare quanto si dissero il Pontefice e il suo attentatore. Sono immagini che colpiscono e che commuovono, riportandoci al cuore del cristianesimo e rendendo concretamente visibile quanto il secondo Successore di Karol Wojtyła, Papa Francesco, ha detto ai vescovi messicani riuniti nella cattedrale di Città del Messico il 23 febbraio 2016: «L’unica forza capace di conquistare il cuore degli uomini è la tenerezza di Dio. Ciò che incanta e attrae, ciò che piega e vince, ciò che apre e scioglie dalle catene non è la forza degli strumenti o la durezza della legge, bensì la debolezza onnipotente dell’amore divino, che è la forza irresistibile della sua dolcezza e la promessa irreversibile della sua misericordia».

ANDREA TORNIELLI

Altri articoli
Costume

Potrebbero interessarti anche

Menu