Costume
Nessun commento

Quelle donne che si son fatte suore….

Non hanno molte occasioni di essere al centro della festa e per loro il banchetto è un pasto normale, qualche volta speciale se comprende l’aggiunta di un biscotto fatto da loro medesime. Sono suore – sorelle, madri, reverende, professe o come si chiamano in giro per il mondo -, sono cristiane, parte di un cattolicesimo in disuso ma ancora vivo, hanno scelto il convento e la loro si chiama vita consacrata, consacrata al Dio che le ha chiamate (“la vocazione religiosa è una chiamata che non ammette tentennamenti: chiede un sì netto e definitivo, il resto viene di conseguenza”, questo dice l’antica e nuova regola) e spesa ogni giorno al servizio di chi quel Dio ha indicato di amare come se stessi, quel prossimo vicino o lontano che ha la fisonomia del divino.

Sono suore di preghiera e di servizio, “e donne così – disse un giorno il capo dei comunisti ai suoi che testardamente volevano allontanare le suore dalle corsie degli ospedali perché la loro presenza ostacolava la piena occupazione – se non ci fossero bisognerebbe inventarle”. Sono suore, ma sono donne e come tali hanno in cuore la sensibilità dell’accudire, nelle mani la soavità delle carezze che asciugano le lacrime, nelle braccia la forza di sollevare e aiutare chi soffre, nelle gambe la corsa che le fa arrivare prima di ogni altro laddove c’è un povero che chiede dignità e parità, negli occhi la visione di ciò che è necessario per tradurre in  pratica ciò che le evangeliche beatitudini insegnano e consigliano di attuare se il fine è quello di raggiungere la felicità, che per loro, a differenza di noi comuni mortali che la cerchiamo tra le cose da possedere e mostrare, sarà eterna una volta conclusa la dimora terrena e raggiunta quella del paradiso… Sono suore, ma sebbene per molti siano fuori dal mondo, per loro il mondo è qualcosa da abitare, da condividere, da amare, da on orare con opere, preghiere, gesti e premure che esaltino la sua bellezza e lodino Colui che l’ha creato. Sono suore e se le incontrate, per favore, non fate scongiuri, non girate l’angolo, non cambiate marciapiede: meritano rispetto e checché ne dica e professino i custodi delle più becere superstizioni non portano iella-sfortuna-calamità. State buoni, siatene certi, convincetevi: cercano il bene di tutti, sanno fare il bene meglio di qualunque altro, sono fatte apposta per trasformare carità e solidarietà in aiuti concreti, per comprendere chi non sa esprimersi, per  medicare chi soffre, per portare felicità e sorrisi con cui condire l’umana avventura.

Sono suore e non hanno molte occasioni di essere festeggiate. Però oggi, 2 febbraio (giorno popolarmente detto della Candelora, con tanto di seguito che stabilisce come “dall’inverno siamo fora”), che per i cristiani è dedicato alla Presentazione di Gesù al tempio e alla Purificazione della Vergine Maria, ovunque vi sia traccia di suore, si fa festa, magari solo di luce, di comunione e di orazione ma comunque festa solenne, festa della Vita Consacrata. Se qualcuno cerca emozioni, queste emozioni oggi le trovano servite da centinaia di suore, religiose di ogni tipo, colore e congregazione, riunite portando ciascuna una fiaccola accesa, segno della luce che sono incaricate di portare nel mondo. E’ la loro festa, ma è anche la festa di tutta la Chiesa, che non smette di dire “abbiamo bisogno di voi e della vostra testimonianza”, perché voi più di qualunque altra persona “siete motivo di consolazione, di speranza; siete luce che illumina il mondo, capaci di donare la vita con serenità e gioia”.

Fine del peana, se quel che ho detto vi è sembrato tale. Però, laicamente e civilmente, non ho dubbi sul dovere di dire alle suore, chiunque esse siano, “grazie per quel che avete fatto, per quel che fate e per quel che farete”. E se qualcuno non capisce la vostra missione di servizio e di fraternità sminuzzata per tutti e a tutti assicurata, pazienza. Non voi, ma loro sono in errore. Quindi, se è permesso un augurio, eccolo: “Non smettete mai di essere suore, ne ha bisogno questa società che pur credendosi onnipotente ha ancora bisogno di tutto, anche delle briciole operose che voi recate”.

LUCIANO COSTA  

Altri articoli
Costume

Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere